Vademecum Aste

Legittimazione alla partecipazione all’asta
All’sta può partecipare qualsiasi persona fisica o giuridica, ad eccezione del/dei debitori.

CONSIGLI SUL COSA FARE QUANDO SI DECIDE DI PARTECIPARE AD UN ASTA IMMOBILIARE

Prendere visione dell’avviso di vendita, facendo attenzione a:
- modalità di vendita
- modalità di presentazione dell’offerta
- diritti, quote e stato del bene oggetto di vendita
- termini di pagamento.

Prendere visione della perizia di stima, pubblicizzata sui siti dedicati, prestando attenzione a:
- planimetrie e documentazione fotografica
- presenza di abusi edilizi
- conformità catastale
- vincoli e servitù
- esistenza di eventuali debiti verso il condominio e loro ammontare
- valore di stima.

Richiedere una visita dell’immobile.
E’ consigliato richiedere un appuntamento per visitare l’immobile tramite il Custode Giudiziario.

In caso si intenda fare un offerta in qualità di persona fisica bisogna avere pronti:
- copia del documento di identità in corso di validità ed il codice fiscale
- in caso di coniugi in regime di comunione dei beni, copia del documento di identità del coniuge in Corso di validità.

In caso si intenda fare un offerta per conto di una società bisogna avere pronti:
- visura camerale con massimo 3 mesi di vita
- copia del documentò di identità dell’amministratore unico
- la procura notarile o estratto autentico notarile dell’atto di nomina del rappresentante legale.

In caso si intenda offrire a mezzo di procuratore, è necessario allegare:
- procura notarile in originale
- fotocopia del documento di identità del procuratore.

Stabilire il prezzo che si intende offrire.
Per la validità dell’offerta, il prezzo offerto non deve essere inferiore di oltre un quarto del prezzo base stabilito nell’avviso di vendita.

Informarsi circa le spese che dovranno essere sostenute oltre al prezzo di aggiudicazione
- imposte, spese di condominio pendente, cancellazione formalità, altro.

Cauzione
- si consiglia, una volta stabilito il prezzo che si intende offrire, di avere disponibile sul proprio conto corrente bancario l’importo pari al 10% del prezzo che si vuole offrire, con cui si effettuerà il bonifico per il deposito della cauzione da allegare all’offerta.

Predisporre l’offerta
Tenendo presente tutte le indicazioni contenute nell’avviso di vendita.

Presentare l’offerta
Prestando attenzione ai termini evidenziati nell’avviso di vendita. L’offerta può essere presentata anche da persona diversa dall’offerente.

PARTECIPAZIONE ALL’ASTA

L’offerente è tenuto a presenziare all’esperimento di vendita
Per l’esame delle offerte alla data ed orario stabiliti nell’avviso di vendita.

E’ possibile far partecipare persona diversa dall’offerente purchè:
- sia munita di procura speciale notarile
- vi sia un mandato a un avvocato che potrà effettuare offerte per persona da nominare.

SVOLGIMENTO DELLA GARA

In sede d’asta il Professionista Delegato alla Vendita procederà con l’apertura delle buste
Per l’esame delle offerte alla presenza degli offerenti o loro procuratori.

Nel caso in cui siano state presentate più offerte valide
Il Professionista delegato alla vendita invita gli offerenti a una gara sull’offerta più alta. Il bene verrà aggiudicato a chi avrà effettuato l’ultimo rilancio e l’aggiudicazione è definitiva.

Il giorno successivo alla gara
Il Professionista delegato alla vendita provvederà alla restituzioni delle cauzioni per gli offerenti non aggiudicatari.

Una volta aggiudicato l’immobile, l’aggiudicatario dovrà versare il saldo prezzo
Nel termine e nei modi fissati dall’avviso che dispone la vendita, pena la decadenza dall’aggiudicazione e la perdita di quanto versato a titolo di cauzione.

Il saldo prezzo potrà avvenire
- tramite bonifico bancario
- contratto di mutuo con iscrizione d’ipoteca sull’immobile aggiudicato.

E’ possibile usufruire delle agevolazioni fiscali “acquisto prima casa” e applicazione del “prezzo valore” per il calcolo delle imposte
Purchè la volontà sia espressa dall’aggiudicatario a mezzo apposita dichiarazione da rilasciare al Professionista delegato alla vendita.

TRASFERIMENTO DELL’IMMOBILE

Una volta perfezionato il pagamento il Giudice dell’Esecuzione firma il decreto di Trasferimento.
Il decreto di Trasferimento è l’atto che attribuisce la qualifica di proprietario dell’immobile all’aggiudicatario.

Con il Decreto di Trasferimento, il Giudice dell’Esecuzione
Ordina la cancellazione di tutte le ipoteche e pignoramenti gravanti sull’immobile.

L’aggiudicatario, divenuto proprietario a far data dell’emissione del Decreto di Trasferimento, dovrà farsi carico di:
- eventuali spese condominiali degli ultimi due anni non pagate
- ogni adempimento o incombenza correlati alla proprietà dell’immobile ivi compresi gli obblighi in materia di tributi locali.

L’immobile verrà consegnato libero, anche da eventuali presone, salvo non sia occupato in forza di titolo opponibile all’acquirente.